Style

THE LILAC HOURS

By  | 

A me piace scrivere quando penso. La gran parte di questi numeri di Lilac sono stati fatti prima sulla carta. Lilac è nato su un blocco da disegno con la copertina ciano, è nata senza un nome, solo con un desiderio e un sacco di punti di domanda da risolvere. Io credo che in questi mesi Lilac abbia trovato una sua “dimensione” che spero mantenga o, diversamente, superi completamente.
Circa un anno fa mi è stato fatto un discorso sulla fine del processo creativo, quel momento in cui un prodotto viene ultimato e deve avere una vita propria che inizia quando per la prima volta qualcuno lo osserva con occhi nuovi, qualcuno che non l’ha mai visto prima e che decide di dedicare un po’ di tempo ad osservare\esplorare\capire o conoscere quello che si è trovato davanti. Ogni mese succede un po’ questo: un nuovo Lilac si stacca da chi lo ha realizzato e diventa una cosa a se’, che porta le tracce e l’importanza di chi lo ha voluto ma che è qualcosa di nuovo, qualcosa “d’altro” e “per altri”.
Spero continui così per molto.