Style

EDITORIALE 38/2016

By  | 

Professione Fotografo…
Professione che ci porta spesso a fare un po’ di tutto: dal manovale a sistemare lo studio, al ‘portantino’ per andare ovunque con la propria attrezzatura; dall’essere comodo a scattare nel proprio ambiente o fare un lavoro dal cliente.
Sapersi adattare velocemente alle varie situazioni e sapere perfettamente quale è il tuo mestiere e come farlo, in poche parole: esperienza.

Andare presso un cliente con tutta l’atrezzatura per fare il lavoro e doversi adattare agli spazi non è sempre facile, ma la grande differenza è saper quello che dobbiamo fare, come farlo e cosa dovremo ottenere.
Dopodiché sapere quali saranno le lavorazioni a photoshop o con altro programma sul nostro computer, che dovremo fare e che potremo effettuare e quindi sapere già quando scattiamo quali sono i limiti e cosa potremo tranquillamente ‘correggere’.

Così già mentre facciamo il lavoro tutto è più tranquillo.
Il fotografo non fa solo ‘click’… ma spesso si trova sdraiato a sistemare gli oggetti da scattare … e il suo assistente trova il tempo per immortalarlo…

Molti pensano che la professone di fotografo sia solo in mezzo a belle donne, con assistenti sempre pronti a fare il ‘lavoro sporco’, truccatrici che sistemano ogni piccolo difetto … e tutto sempre pronto a disposizione, con la macchina settata, le schede caricate e ambienti comodi e freschi d’estate e caldi d’inverno.

Ma non sempre e così, ma ci piace lo stesso perché la prima cosa è fare una bella fotografia, soddisfare il cliente e sapere che una nuova sfida è vinta.

E siamo già pronti per il prossimo set.