Style

EDITORIALE 36/2016

By  | 

Farsi fotografare da una modella non è una cosa che succede tutti i giorni… ma questa volta si ed è stato ‘divertente’ e anche piacevole.
La modella è la protagonista di uno dei prossimi numeri di Lilac… che era sul set con noi e ci ha detto che fa anche la fotografa e allora… scattaci la foto!
Una dimostrazione che la fotografia può sempre ‘colpirti’ e l’alrtisticità la puoi trovare in chi meno te lo aspetti.
Bella, simpatica, modella… particolare nel carattere e nell’estetica e guarda guarda anche fotografa.
Per sapere chi è dove aspettare il prossimo numero, ma intanto io ho usato questa immagine per farci l’Editoriale perché mi ha colpito.
Essere dall’altra parte dell’obiettivo considerando che colei che ti sta scattando da li a poco sarai tu a ‘scattarla’ è una cosa che non mi era mai successa.
Il bello di questo nostro mondo è trovare fotografi ovunque… oggi sono un po’ in tanti a definirsi tali, ma personalmente mi va bene così.
Riccardo Tagliabue
Sempre meglio essere in tanti che in pochi, anche se a volte un po’ di concorrenza ‘sleale’ (costi bassi e un po’ poco professionalità) ti mettono in difficoltà, ma se ci sono anche loro vuol dire che c’è spazio per tutti.
Non devo arrabbiarmi con chi va a letto con la mia fidanzata, ma con la mia fidanzata… (sempre che lui non sia un amico).
Quindi il problema non sono i fotografi ma le aziende… che a volte pur di risparmiare qualche soldo accettano lavori di bassa qualità.
Ma sono sempre convinto che la ruota gira e se tu nella tua testa la pensi così… qualcuno altro la pensa come te e lo farà anche con te.
Quindi sono certo che la qulità paga sempre e la professionalità ancora di più e che quindi la scelta in quale ‘ruota’ mettersi ognuno di noi è libero di farlo.
Sia che tu sia cliente o fornitore… se la guerra è tra poveri combatterai quella… io li non combatto neanche perché non è la mia guerra e gli avversari preferisco scegliermeli, come anche chi mi fotografa.