Style

EDITORIALE LILAC 07/2013

By  | 

Questa Cover di Lilac forse è stata la meno complicata dal punto di vista dello scatto in studio, ma non certo facile nella “logistica”.
Quello che mi è piaciuto è soprattutto il fatto che mi ha riportato indietro nel tempo, quando i CALENDARI si facevano e, oltre a rendere bene economicamente, erano anche bei momenti ludici per tutti: per chi li realizzava e per chi li guardava.
Donne e motori gioie e dolori… Quante volte avremo sentito questa frase e quanti si sono rispecchiati in essa. Io di questo motto ne ho fatta una “ragione di vita”: amore per le donne e per i motori, legati dalla fotografia. Non so quale sia la prima passione che è nata, forse quella verso i motori e a seguire quella della fotogafia… in ultimo ho scoperto quella per le donne. Un ordine un po’ strano, ma poi le ho sapute riunire tutte in una professione.
Da sempre amo fotografare le moto e tutto quello che è sport, ma aver unito in moltissimi scatti la passione per la fotografia alle donne è stato veramnete il massimo… C’è chi potrebbe dire sei il solito “uomo”, che sfrutta la donna e la mette in una condizione di “oggetto”. Ma non è vero. Amo da pazzi mia moglie e lei lo sa (stiamo insieme da oltre 20 anni) e penso di non averle mai
mancato di rispetto e oggi ho 3 figlie femmine.
La “PASSIONE” per la bellezza di un corpo femminile è tanta, MI PIACE, che colpa ne ho? Poter unire un corpo di una donna a quella che per me è anche un’altra passione, vederla vicino ad una moto è il massimo… Un punto di vista che solo esprimerlo è già difficile e posso solo pensare quante critiche possa trovare, ma questa è la realtà. Molte donne (che non vivono il mondo dell’immagine, della pubblicità e in generale del mondo della comunicazione) potrebbero sentirsi offese (e per questo se c’è chi si sente tale, me ne scuso), ma così è.
Ogni discussione è aperta e benvenuta, se costruttiva e nel rispetto altrui.
Difficile è non cadere nella volgarità, ma sappiamo che il “grado” di ciò che è lecito e cosa no è molto personale e quello che per me può essere sensuale per un altro potrebbe essere pornografico, ciò che per uno è “normale” per una altro è degno di scandalo, ma anche questo è bello, basta non imporre niente a nessuno e costringere altri a fare cose che non vogliono.
La foto che vedete in alto è legata ad un bellissimo servizio fatto a Daytona con uno dei più grandi campioni di Supercross USA (secondo me il più grande mai esistito): Jeremy McGrath. Abbiamo realizzato delle foto per Palyboy con una modella californiana.
Ma di bei servizi con le moto e le donne ne ho fatti tanti: dai calendari per la Suomy Helmet e la UFO Plast, agli shooting per Playboy con Capirossi, dal bellissimo calendario con la Ducati Infostrada campione del Mondo con Troy Bayliss e la bellissima Veronica Sigari a tanti altri.
Con questa cover riapriamo un’altro bell’album dei ricordi!